Bonus sociale per le forniture di energia elettrica, gas naturale e acqua


Bonus sociale - Cosa cambia dal 2021
 

Come stabilito dal Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla Legge 19 dicembre 2019, n. 157, a partire dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto.
 

Pertanto, dal 1° gennaio 2021, i cittadini non dovranno più presentare domanda per ottenere i bonus per disagio economico relativamente alla fornitura di energia elettrica, di gas naturale e per la fornitura idrica presso i Comuni o i CAF i quali non dovranno accettare più domande.
 

Eventuali domande presentate dal 1° gennaio 2021 in poi presso Comuni e/o CAF non potranno essere accettate e non saranno in ogni caso valide per avere accesso all’agevolazione.
 

Ai cittadini/nuclei familiari aventi diritto verranno erogati automaticamente (senza necessità di presentare domanda) le seguenti tipologie di bonus:
 - il bonus elettrico per disagio economico
 - il bonus gas
 - il bonus idrico
 

Non verrà invece erogato automaticamente il bonus per disagio fisico il quale continuerà ad essere gestito da Comuni e/o CAF.
 

Per ottenere i bonus per disagio economico, pertanto, sarà sufficiente richiedere l’attestazione ISEE. Se il nucleo familiare rientrerà nelle condizioni che danno diritto al bonus, l'INPS, in conformità a quanto previsto dalla normativa sulla privacy, invierà i dati necessari al Sistema Informativo Integrato (SII) gestito dalla società Acquirente Unico, che provvederà ad incrociare i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua consentendo l’erogazione automatica del bonus agli aventi diritto.
 

Per l’accesso al bonus per disagio fisico nulla cambia dal 1° gennaio 2021: i soggetti che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali dovranno continuare a fare richiesta presso i Comuni e/o i CAF delegati.
 

Si precisa che i bonus in corso di erogazione al 31 dicembre 2020 continueranno ad essere erogati con le modalità oggi in vigore.
 

Per ogni altra informazione o chiarimento e per ricevere assistenza è possibile contattare il Call Center dello Sportello per il Consumatore Energia e Ambiente per i cittadini al Numero Verde 800166654.



Per richiedere i Bonus occorre compilare l'apposita modulistica e trasmetterla allo Sportello del Cittadino del Comune, a mano oppure tramilte mail all'indirizzo sportello@comune.trevi.pg.it ovvero tramite PEC all'indirizzo comune.trevi@postacert.umbria.it:
 
La modulistica aggiornata è disponibile al seguente link:
http://www.sgate.anci.it/?q=documentazione/modulistica-per-la-presentazione-delle-domande-di-bonus-sociale


Bonus elettrico

 
Il bonus elettrico è uno sconto sulla bolletta, introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente con la collaborazione dei Comuni, per assicurare un risparmio sulla spesa per l'energia elettrica alle famiglie in condizione di disagio economico e fisico e alle famiglie numerose.
 
Il bonus è previsto per:
 
Disagio economico
 - per famiglie con ISEE non superiore a 8.265 euro;
 - per famiglie numerose (con più di 3 figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro;
 - per i titolari di Reddito di Cittadinanza (Rdc) o Pensione di cittadinanza (Pdc).
 
Disagio fisico (gravi condizioni di salute)
 - per i casi in cui una grave malattia costringa all'utilizzo di apparecchiature mediche alimentate con l'energia elettrica (elettromedicali) indispensabili per il mantenimento in vita.
 
Per tutte le informazioni: https://www.arera.it/it/bonus_sociale.htm


Bonus gas

 
Il bonus gas è uno sconto sulla bolletta, introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente con la collaborazione dei Comuni, per assicurare un risparmio sulla spesa per il gas naturale alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose.
 
Il bonus è previsto per:
 
Disagio economico
 - famiglie con ISEE non superiore a 8.265 euro;
 - famiglie numerose (con più di 3 figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro;
 - i titolari di Reddito di Cittadinanza (Rdc) o Pensione di cittadinanza (Pdc).
 
Per tutte le informazioni: https://www.arera.it/it/bonus_gas.htm


Bonus acqua


Il bonus acqua (o bonus idrico) è una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale.

E' stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell'articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all'anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Il bonus è previsto per:
 
Disagio economico
 - famiglie con ISEE non superiore a 8.265 euro;
 - famiglie numerose (con più di 3 figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro;
 - i titolari di Reddito di Cittadinanza (Rdc) o Pensione di cittadinanza (Pdc).

Per tutte le informazioni: https://www.arera.it/it/consumatori/idr/bonusidr.htm